Il canto dell’upupa ospite di Talia a Lercara Friddi

di ROBERTO MISTRETTA – Di fronte al nulla, che potente ci sovrasta e avanza, ritrovo la testardaggine degli eroi di antica memoria nei pochi che riuniti in meritorie associazioni culturali, non si rassegnano e, con irrisorie se non inesistenti risorse economiche, si ingegnano e si impegnano ad organizzare mostre fotografiche, personali di pittura, rassegne cinematografiche, convention musicali, presentazioni di libri.

Trincee culturali di resistenza che silenti e operose danno lustro alle comunità dove vivono.

“Talia”, associazione che opera a Lercara Friddi, è una di queste. La sua presidente, Letizia Tomasino, ieri, sorprendendoci e commuovendoci, ha interpretato da par suo un delicato passaggio del libro.

Il giornalista Mario Liberto e la psicoterapeuta Paola Di Natale hanno sviscerato le tematiche affrontate ne “Il canto dell’upupa”. Stefano, come sempre straordinario e discreto, ha curato luci, microfoni, location. E tra il pubblico, anche i rappresentanti della nuova amministrazione politica. Un segnale, piccolo ma significativo: un passo alla volta, anche nelle nostre terre di frontiera, se ci si crede, la cultura può attecchire e può diventare volano di bellezza e sviluppo.

Dipende da noi valorizzare quest’isola bellissima che ci è toccata in dote.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.